I rapporti sempre più stretti tra Occidente e mondo musulmano e la presenza di numerosi immigrati generano profonde trasformazioni nelle società europee sempre più plurali. Ma che cosa esattamente sta cambiando? E soprattutto, è possibile governare il processo o siamo destinati a subirlo passivamente?

Queste domande guidano fin dalle origini le attività della Fondazione Internazionale Oasis che da un decennio s’interessa di cristiani e musulmani nell’era del meticciato di civiltà, operando a cavallo tra il Medio Oriente e il mondo occidentale in vista di una migliore conoscenza reciproca.
In particolare, attraverso le sue ricerche Oasis è giunta gradualmente a identificare diversi ambiti d’indagine particolarmente urgenti nella società italiana e con questo progetto si propone di creare una task force di studiosi e professionisti di varia provenienza capaci di esplorare tali ambiti con originalità e secondo un metodo innovativo. Cardine metodologico del progetto è, infatti, la preminenza del lavoro comunitario, per una reale interazione tra discipline diverse. Lo scopo è maturare un punto di vista sintetico che permetta di individuare le nuove energie e opportunità che l’attuale fase storica offre a livello nazionale e globale.
Per Oasis ricerca e comunicazione sono strutturalmente interconnesse, perché forma e contenuto non possono mai andare disgiunti. Per questo il progetto presenta una duplice dimensione in cui studio e comunicazione s’intrecciano continuamente lungo le diverse fasi.

 

bambini-corano

Tempistica
Fase di avvio: 4 mesi circa
Fase di ricerca vera e propria: strutturata in 6 moduli della durata di 3 mesi ciascuno, durerà circa 20 mesi.

Per ogni modulo, dopo una ricognizione preliminare dello stato della ricerca sull’argomento, si organizza un seminario a uso interno, a cui segue il lavoro individuale. Successivamente sono invitati due relatori stranieri, selezionati da Oasis, che aprono un secondo seminario interno. Ad esso segue un incontro pubblico rivolto alla società civile, realizzato in luoghi dall’alto valore simbolico e in collaborazione con realtà significative del territorio.

L’obiettivo finale che il progetto si prefigge è mettere a punto strumenti e sviluppare competenze che permettano contemporaneamente di:

  • comprendere le dinamiche del meticciato in Italia;
  • orientare tale processo, attraverso una partecipazione qualificata al dibattito pubblico, a livello accademico e di società civile.
Share Button